Nella stessa misura in cui si concede attenzione al proprio look estetico, anche una voce chiara e precisa deve esprimere professionalità e credibilità, sicurezza. La ricerca  è dedicata all'esplorazione della voce nei suoi diversi livelli: quotidiani, relazionali, professionali, creativi e al recupero della vocazione artigianale.

I moduli si concentrano essenzialmente su elementi base di prossemica. Si lavora sulla posizione dei corpi nello spazio e sugli elementi della gestualità. Il ricercatore è invitato a notare i propri automatismi, consapevolizzando razionalmente l’istinto dei propri posizionamenti e dei propri stereotipi.  

Ogni esercizio svolto durante le sessioni di lavoro necessita di una pratica quotidiana, affinché possa risultare spontaneo e superare l’inevitabile  scontro mente-corpo dove, sappiamo, la prima condiziona il secondo.

Le tecniche che verranno prese in considerazione portano l’allievo a sviluppare il percorso sulla parola, esplorando le molteplici variazioni della sonorità̀ dello strumento/voce, alla ricerca dei “segreti” nascosti all’interno delle frasi e delle stesse lettere.Il modulo viene svolto in contemporanea alla lettura, in italiano, di testi specifici di riferimento. Il particolare il modulo si soffermerà̀ con particolare attenzione sugli esercizi di comunicazione cercando di incentivare una dinamica di ascolto, libera da filtri o blocchi fisico-emotivi, incentrandosi sui principi che sono alla base di ogni tecnica di comunicazione. La parola singola agisce quando ne incontra una seconda che la provoca e la costringe a uscire dai binari dell’abitudine.

Il laboratorio prevede una sperimentazione dell'uso del proprio corpo, l'esplorazione dei suoi limiti fisici e la scoperta della fisicità del testo; si propone l'obiettivo di rendere l'attore stimolato nell'immaginazione e capace di improvvisare scene di forti passioni e sentimenti contrastanti.

Ogni tecnica presa in considerazione e utilizzata deriva dalla pratica accademica teatrale.

RICERCA COLLETTIVA 
 

PROPEDEUTICA
- Training di rilassamento e ascolto
- Gli elementi dentro di sé. Terra e aria. Acqua e fuoco.
- Respirazione e nota di risonanza
- Tecniche base di respirazione, emissione ed uso della voce
- Per una pedagogia della parola. Propedeutica.



LA VOCE LIBERATA

Training di rilassamento e ascolto
Training motorio atto a sviluppare e potenziare una buona coscienza fisica
Sezioni del corpo, equilibri e disequilibri
Voce e movimento nello spazio
Lavoro sulle dinamiche comunicative e sui linguaggi
Collegamento tra intenzione ed espressione.
Sperimentazione della parola nella narrazione
Avvicinamento a testi e conseguente lavoro di base.
Tecniche di lettura creativa
Avvicinamento alla lettura a prima vista



IL GESTO LIBERATO
Percezione e sensorialità. 
Il corpo come oggetto. L'apparato scheletrico e il contatto 
Il corpo/voce Il registro gestuale.
La trascrizione gestuale di un testo. 
Lo spazio vuoto e l’invisibile essenziale
Disequilibrio e ricerca del limite personale
Il rapporto con gli spettatori 
Dissociazione voce-corpo

LO SPAZIO VUOTO

LABORATORIO DI PERFEZIONAMENTO PER ALLIEVI ATTORI
 

Il laboratorio prevede una sperimentazione dell'uso del proprio corpo, l'esplorazione dei suoi limiti fisici e la scoperta della fisicità del testo; si propone l'obiettivo di rendere l'attore stimolato nell'immaginazione e capace di improvvisare scene di forti passioni e sentimenti contrastanti,. operando un trasferimento del linguaggio emotivo al movimento corporale.

 

ELEMENTI E CONTENUTI DEL LAVORO

1) Presupposti al lavoro attoriale: tensione all’ascolto.

2) Lavoro sui livelli di percezione e sensorialità. Lavoro sulla percezione tattile e sonora dell’ambiente. Viene chiesto ai partecipanti sensibilità alla crisi e al disagio.

3) Lavoro sulla fisiognomica. Collegamento profondo tra intenzione ed espressione.

4) Esercizi esperienziali sul vuoto e la fiducia.

5) Lavoro sull’apparato scheletrico e sul contatto con le diverse superfici dello spazio.

6) Lavoro sul disagio (emotivo e fisico) al fine di affrancare il corpo dal condizionamento della mente.

7) Il registro gestuale. Il rapporto con gli spettatori e trascrizione gestuale di un testo. Quali gesti possono sopravvivere?

8) Il segno musicale come spartito parallelo e sovrapposto.

_

IL PERSONAGGIO E IL SUO SPAZIO

LABORATORIO DI PERFEZIONAMENTO PER ALLIEVI ATTORI

ll laboratorio si propone come obiettivo di trasmettere la relazione che si instaura tra spazio scenico e personaggi, attraverso l’elaborazione di un progetto capace di attivare un transito di comunicazione tra i diversi codici espressivi propri del teatro.

 

Destinatari: ideato per essere pedagogicamente utile sia per coloro che sono più interessati alla carriera di regista, che a coloro che intendono fare gli attori, i drammaturghi o gli scenografi.



MODULO 1 | IL TESTO, LO SPAZIO

La lettura del testo di riferimento è affiancata da un percorso sull’analisi formale dello spazio e degli elementi scenici.
Verranno individuati i temi fondamentali del testo e gli elementi a disposizione.
Gli allievi saranno guidati a determinare e gestire:
spazio: in che luogo più o meno immaginario, più o meno attinente alla storia, disegnare il proprio spettacolo.
scenografia: con che oggetti, che strutture, che apparati “popolare” lo spazio scenico, tenendo conto che queste scelte devono essere appropriate sia sotto il profilo funzionale che estetico.

Obiettivo del modulo è rendere gli allievi sensibili alla visione generale della messa in scena ed elastici agli assestamenti e/o cambiamenti dettati da un lavoro in divenire, vero e proprio “organismo vivente.”

MODULO 2 | DIREZIONE ATTORI

Obiettivo di questo modulo è la direzione degli attori. Attraverso la guida del docente, gli allievi dovranno pensare e proporre degli esercizi (training e improvvisazioni) atti a far aderire gli attori alla propria idea di spettacolo. Gli allievi registi guideranno i compagni come se fossero i propri attori, per verificare la funzionalità e l’efficacia del proprio progetto.

RICERCA INDIVIDUALE

 

MODULO. VOCE E RESPIRAZIONE

Training di rilassamento e ascolto-

Training motorio atto a sviluppare e potenziare una buona coscienza fisicaLa corretta respirazione

Emissione della voce e lavoro sulla fonetica

La nota di risonanza

Utilizzo efficace delle consonanti e dei loro segreti espressivi

 

MODULO. FONETICA, VOCALITA’, LETTURA CREATIVA

Apprendere e utilizzare una corretta pronuncia
Eliminare eventuali cadenze dialettali
Tecniche di lettura creativa

La lettura a prima vista
Tecniche di Public Speaking

MODULO. SGUARDO, GESTUALITA’,  PAROLA, MOVIMENTO

Sezioni del corpo, equilibri e disequilibri

Voce e movimento nello spazio

Dissociazione voce-corpo

Complementarietà tra  mimica e voce

La tecnica del "corpo-voce"

Sguardo, movimento e la parola.

SILENZIO, MATERIA, FIDUCIA
LABORATORIO TEATRALE RESIDENZIALE


Si incomincia da una piattaforma, una zattera, un luogo in cui fermarsi, riflettere, ascoltare e vedere, riposare, parlare ed attivare scambi e negoziare le proprie idee. Che cosa viene suddiviso? Che cosa viene scambiato?
È qualcosa di più di un’idea, esiste infatti un’inevitabile relazione tra il vissuto, la storia di un luogo e le inevitabili relazioni che possono essere attivate. Questo teatro delle relazioni si avvolge attorno a visioni di mondi diversi ciascuno dei quali rappresenta un’isola, una forma. Il progetto non è dunque solo formativo ma diventa una realtà concreta densa di materia e di forza.
Questo laboratorio diventa lo spazio in cui permettersi di ritornare alla natura come “esseri desideranti, permeabili, mettere in gioco la propria materia, amplificare la propria vulnerabilità , indagare i propri confini fisici ed estetici al fine di elaborare il proprio corpo come oggetto d’arte.

I partecipanti lavoreranno nella natura "senza certezze" sperimentando se stessi in un continuo confronto con la natura e i compagni; il lavoro è sia individuale che collettivo ed nel gruppo la responsabilità della ricerca.



NOTE 
Il laboratorio è intensivo e aperto a tutti. I telefoni cellulari saranno consentiti solo ed esclusivamente in caso di reale necessità e comunque per un periodo limitato della giornata.

Necessaria una lettera di motivazione, età, recapito, eventuali altre esperienze formative e/o teatrali al seguente indirizzo di posta elettronica: pegaso.idee.al.volo@gmail.com 

Prezzo del seminario: 250 euro. 
Prezzo dell’alloggio: 15/20 euro al giorno. 
La spesa è in comune.
Numero partecipanti: 10



 

Grazie! Il messaggio è stato inviato.